El Sistema: il Metodo Abreu come prevenzione del disagio giovanile

Partono i corsi per realizzare un coro e un’orchestra con ragazzi dei quartieri disagiati di Pescara

“El Sistema: il Metodo Abreu come prevenzione del disagio giovanile

Al via sabato 9 ottobre i corsi di formazione per dare vita ad un’orchestra ed un coro giovanili, con ragazzi che provengono da contesti socio-economico-culturali svantaggiati e che frequentano l’Istituto Comprensivo “Pescara 1”, cuore del Progetto.

Ad occuparsi dell’organizzazione delle attività sarà l’Associazione Musicale “G. Rossini” di Roseto degli Abruzzi, capofila del Progetto Europeo “El Sistema: il Metodo Abreu come prevenzione del disagio giovanile”, che vede la presenza di due prestigiosi partner di livello internazionale come la Fondazione Vozes di Barcellona (Spagna) e l’Associação Sójovem das Saibreiras (Portogallo).

Il progetto, ideato dal Maestro Manfredo Di Crescenzo, prevede la nascita di un’orchestra sinfonica giovanile di 45 elementi e di un coro di 45 elementi formati da minori a rischio di emarginazione e di devianza provenienti dai quartieri pescaresi di San Donato, Rancitelli e Zanni.

Il ciclo di appuntamenti darà modo ai ragazzi di crescere, con il Metodo Abreu, principalmente dal punto di vista personale, sociale e poi artistico-musicale.

Infatti la musica appresa tramite questo metodo rappresenta per il giovane uno strumento insuperabile di sviluppo sociale, che previene il disagio e la devianza, sostiene lo sviluppo dell’individuo.

Musicista venezuelano poliedrico, Josè Antonio Abreu nel 1975 raccolse un gruppo di bambini e ragazzi dalle strade dei quartieri più disagiati di Caracas, avviandoli allo studio della musica e regalando loro un’alternativa all’emarginazione e ai più distruttivi mali sociali, quali droga e criminalità.

Sentendosi partecipe di una costruzione, il giovane musicista è infatti responsabilizzato in prima persona, vive il confronto con gli altri in maniera positiva, è spinto a migliorare non solo per mostrare di essere all’altezza del ruolo ma anche per non inficiare la riuscita del gruppo.

 

Come diceva Abreu: “Non è solo questione di musica; qui si insegna la solidarietà, l’armonia, l’ordine, la bellezza, il rispetto e prima di tutto l’umiltà”.

 

Dopo il kick-off del progetto svoltosi il 16 e 17 luglio a Pescara, dal 29 agosto al 2 settembre l’Associazione Musicale “G. Rossini” ha accompagnato i suoi giovani docenti presso la Fondazione Vozes di Barcellona, per svolgere un corso di formazione insieme ai colleghi di Associação Sójovem e Musicos D’ouro, i partner portoghesi.

I ragazzi di Vozes, insieme agli insegnanti, sono stati impegnati in attività orchestrali, che li hanno coinvolti in preziosi confronti e condivisioni tra loro per una crescita personale e professionale.

A conclusione del corso, l’orchestra dei ragazzi si è esibita in un concerto finale, eseguendo tutto il programma svolto nei cinque giorni di formazione, alla presenza di autorità del Comune di Barcellona.